Parole che ritardano

v_suono.PNG

V. Zanetti parla nel tubo (edizione del 1992)

Questo oggetto è costituito da un tubo lungo circa 100 m.

Emettendo un suono secco ad un’estremità del tubo, lo si potrà udire all’altra estremità con un po’ di ritardo.

Ogni suono, voce compresa, si può propagare solo se c’è un mezzo le cui molecole (o gli atomi) possano essere messe in vibrazione.

Per quanto riguarda la propagazione in aria, è possibile utilizzare l’immagine di una strada trafficata nella quale avviene una serie di tamponamenti a catena.

Attraverso una catena di urti delle molecole d’aria è possibile trasmettere un suono. La velocità con cui questi urti si propagano dipende da alcune caratteristiche dell’aria secondo la relazione

formula_suono

questa relazione evidenzia come i parametri chiave siano essenzialmente la temperatura, la massa molare dell’aria e le caratteristiche di scambio termico a pressione e volume costante. A 20° C il suono si propaga in aria a circa 343 m/s.

In questo exhibit, il suono deve percorrere 100 m di tubo alla velocità di 343 m/s: ritarderà quindi di circa 3 decimi di secondo.

Approfondimenti

Zendri, M. Valdan, L.M. Gratton and S. Oss, “Musical intonation of wind instruments and temperature”, in PHYSICS EDUCATION, v. 50 (2015), p. 348-351

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...